Auction N.205 - I, Important Old Masters Paintings

fri 14 May 2021 
85 

Baldassarre de Caro (attr. a)
((?) 1689 - Napoli 1750)

Natura morta con anatra, beccaccia, starne e pernici

Olio su tela
cm. 97x108


Pittore specializzato in nature morte di animali e selvaggina, secondo la tradizione napoletana di fine Seicento, fu seguace di Solimena. Il quadro, da collocarsi intorno al 1720, è molto vicino alle due nature morte del Museo di Capodimonte, Napoli, e con riferimenti diretti alle sue tele nella Pinacoteca D'Errico di Matera. Tipici segni distintivi del suo stile, in quadri come il nostro, sono il rapporto contrastato di ombra e luce, quest'ultima sempre in diagonale stagliata tra tronchi d'albero; inoltre, come precisa Galante, la mano dell'artista si individua nella scelta degli animali: anatre, tordi e beccacce, scalati e riversi col ventre verso l'alto a segnare le uniche note luminose sulla dominante tonalità dei bruni. De Dominici, suo primo biografo, gli riconosce la capacità di far emergere "con pochi lumi" le varie specie di uccelli posti sul terreno, alcuni raffigurati "ad ali aperte, accordate con erbe ed altri accidenti".
Bibliografia di riferimento:
De Dominici, Vite de pittori, 1742-47, III, p. 577;
R. Causa, La natura morta a Napoli, 1972, pp. 1054-55;
L. Salerno, La natura morta italiana, 1984, pp. 256-57;
L. Galante, La natura morta in Puglia e Basilicata, in La natura morta in Italia, Electa, Milano, 1997, tomo II, pp. 964-80.
Auction times
Estimate
EUR 2500 / 3500

Scroll Down
Back to the Top