Auction N.198 - I, Importanti Sculture e Dipinti antichi provenienti da prestigiose committenze private, da Villa Mansi di Lucca, e due dipinti di Piazzetta ritrovati

fri 9 October 2020 
202 

Giovanni Battista Piazzetta
(Venezia 1683 - 1754)

Vecchio e giovinetto

Olio su tela
cm. 45x37


Bibliografia
L'opera completa del Piazzetta, presentazione di Rodolfo Pallucchini e apparati critici e filologici Adriano Mariuz, Rizzoli, Milano, 1982, pp. 93-94, n. 81.
 
Di rilevante importanza nella vicenda pittorica di Piazzetta questo il ritratto di Vecchio e giovinetto concepito quale pendant dell'altro, Coppia di giovani (lotto n. 203), ambedue proprietà di uno stesso collezionista privato, ci segnala come il pittore avesse raggiunto uno dei suoi livelli più alti nel genere delle "teste di carattere" che risaltano come uno degli esiti più raffinati della pittura di tal genere, che sarebbe poi stata praticata da pittori come Gaspare Traversi (doc. 1749-76) e Pietro Rotari (1707-62). Le "teste di carattere" costituirono uno dei generi tematici maggiori del Piazzetta e rispetto alla tradizione di studi fisiognomici consolidata, da Leonardo da Vinci a Charles Le Brun, che riguarda solo l'individuazione morfologica di "tipi" fisiognomici in generale, il pittore introduce un atteggiamento ritrattistico realistico fondato sull'osservazione dei ceti popolari più che aristocratici.
La fortuna delle "teste di carattere" fu tale che i più importanti incisori-pittori del tempo realizzarono delle serie complete di stampe che interessarono non solo il mercato collezionistico ma anche gli artisti che ne traevano esempi per il loro lavoro. Tra gli incisori che diffusero le "teste" del Piazzetta figurano Marco Pitteri (1702-86), il maggiore incisore veneziano del tempo, Giovanni Cattini (1715-1804), Teodoro Viero (1740-1819), Franz Xavier Jungwirth (1720-90), e l'edizione di queste stampe nel Settecento contribuì a diffondere la fama del Piazzetta in Europa. Le "teste di carattere" tradotte in stampa erano trenta, di cui solo cinque a doppio ritratto, componendo così il più ampio repertorio di studi fisiognomici del tempo e rendendo Piazzetta il pittore maggiore del tempo nel genere. Stando ai disegni relativi, la serie completa avrebbe dovuto essere di circa cinquanta soggetti ma solo di trenta si conosce l'edizione a stampa.
Delle "teste di carattere" dipinte a olio su tela dal pittore che, insieme ai disegni, servirono per modello alle incisioni, si conoscono solo pochi soggetti: si ricordano insieme alle nostre, che costituiscono un pendant di eccezionale rilevanza, il celebre Ragazzo in uniforme polacca (Ritratto di giovane scultore), il Ragazzo con limone, la Ragazza con ciambella e la Contadinella con gallina.
I due dipinti, Vecchio e giovinetto e Coppia di giovani, furono resi noti da F. Svizzero, (1977), che li riferì a un periodo medio dell'artista, e tale restituzione fu pienamente accolta da Rodolfo Pallucchini, il maggior studioso dell'artista, e da Adriano Mariuz, che le inserirono nel catalogo ragionato di Piazzetta (1982), segnalando nella scheda l'importante rilevanza delle due tele e le diverse connessioni con i suoi disegni tra i quali alcuni della Royal Library del Windsor Castle, della Pierpont Morgan Library di New York e della Biblioteca Reale di Torino.
Marco Fagioli
Bibliografia di riferimento:
Rodolfo Pallucchini, L'arte di G.B. Piazzetta, Bologna, 1934;
L'eredità del Piazzetta. Volti e figure nell'incisione del Settecento, a cura di Maria Agnese Chiari Moretto Wiel, Venezia, Palazzo Ducale, 27 giugno - 15 settembre 1996, pp. 60-65.
Auction times
Estimate
EUR 65000 / 85000

Scroll Down
Back to the Top