Auction N.155 - I, Asta di Arredi e Dipinti Antichi

FARSETTI ARTE Viale della Repubblica, Area Museo Pecci - PRATO, fri 15 April 2011 
466 

Scuola senese del XVII secolo

La zingarella

Olio su tela
cm. 51x38,3


Con una comunicazione orale ai proprietari senesi del dipinto, Cesare Brandi ipotizzava che l'autore di questa versione della Zingarella di Antonio Allegri detto il Correggio (Correggio 1489 - 1534) fosse da identificare in Rutilio Manetti (Siena 1571 - 1693). Non conosciamo per quale ragione Brandi avesse proposto questa attribuzione, tuttavia si possono notare alcune caratteristiche originali che rendono il dipinto non una semplice copia dell'originale correggesco, ma una interpretazione.
La zingarella, cm 49x37, olio su tavola, Napoli, Museo di Capodimonte, nonostante l'assenza di San Giuseppe, è stata interpretata come un Riposo nella fuga in Egitto, datata variamente dalla critica al 1514-15 (Longhi) a dopo il 1515 (Bottari). In una scheda relativa al dipinto del Correggio, Arturo Carlo Quintavalle (1970, p. 93, n. 31) avvisava una ricerca ulteriore rispetto alla Madonna con San Giovannino di Madrid (n. 20), più prossima alla ricerca manieristica del Beccafumi.
L'autore del nostro dipinto avrebbe introdotto rispetto al modello originale del Correggio le seguenti varianti: il fondo scuro con un angiolino solo in grisaglia, e non nimbiforme, il coniglio bianco che si affaccia a sinistra e la sostituzione della quinta arborea di sfondo con un cupo bruno notturno.
Comunque si ponga il problema attributivo, la qualità del dipinto è, nella stesura pittorica, alta e non può essere opera di un comune copista. Nel Manetti giovane, educato da Francesco Vanni, con echi del Barocci e del Guercino, prima della svolta caravaggesca del 1620, sarebbero state possibili attenzioni verso Correggio.
Bibliografia di riferimento
Benedict Nicolson, Caravaggism in Europe, second edition, revised and enlarged by Luisa Vertova, Torino, 1989, vol. I, pp. 141-142;
L'opera completa di Correggio, presentazione di A. Bevilacqua, apparati critici e filologici di A. C. Quintavalle, Milano, 970, p. 93, n. 31, tav. VIII.
 

Esposizione: 
MILANO: dal 29 Marzo al 5 aprile - Ore: 10.00 – 19.00 (festivi compresi) 
PRATO: dal 9 al 15 Aprile - Ore: 10.00 – 13.00 e 16.00 – 19.30 (festivi compresi)  
Estimate
EUR 9000 / 14000

Scroll Down
Back to the Top