Auction N.152 - II, Arte Moderna

FARSETTI ARTE Viale della Repubblica, Area Museo Pecci - PRATO, sat 29 May 2010 
817 

Bruno Innocenti
(Firenze 1906 - 1986)

Stradivaria, I, 1943

Scultura in bronzo su base in legno
cm. 82 h. (con base)


Bibliografia
Marco Fagioli, La Giuditta di Bruno Innocenti, Aión Edizioni, Firenze, 2005, p. 102, n. 21;
Marco Fagioli, L'Erinni di Bruno Innocenti. L'anima e la forma, Aión Edizioni, Firenze, 2006, p. 50, n. 15.

Esempio canonico della scultura di Bruno Innocenti tra le due guerre, e insieme opera tipica della plastica italiana del Novecento, questo nudo femminile fu chiamato dall’autore Stradivaria I, 1943, per l’analogia del corpo con la forma elegantissima dei violini del celebre liutaio. Innocenti, l’allievo più amato da Libero Andreotti e suo successore nella Cattedra di Scultura all’Istituto d’Arte di Firenze, dopo la morte del Maestro nel 1933, elaborò una immagine femminile tra le più originali, moderna e nuova rispetto a quella consueta della scultura accademica. Stradivaria I si colloca dopo le statue al naturale della Lilia, 1930, la marmorea Erinni, 1934, e la bronzea Giuditta, 1936, di quel decennio decisivo, 1930-40, in cui Innocenti si affermò non solo quale erede della lezione andreottiana ma anche come giovane maestro della nuova generazione, al pari dei quasi coetanei Marino Marini, Giacomo Manzù e Francesco Messina. Stradivaria I è una “icona” dell’ideale moderno di bellezza femminile, nel modellato sinuoso del corpo e nell’espressione “anticlassica” del volto, compagna dei ritratti coevi di F. Carena, A. Salietti, G. Vagnetti, U. Capocchini. Mentre la Giuditta e la Erinni alludevano a modelli della scultura ellenistica come l’Idolino del Museo Archeologico fiorentino e l’Arianna abbandonata dei Musei Vaticani, Stradivaria I è già tutta immersa nell’atmosfera di ideale femminile che sarà poi affermata nel secondo dopoguerra, nell’arte e nel cinema.

Esposizione: 
Esposizione a Milano dal 14 al 19 maggio (orario 10/19 compreso festivi) in contemporanea presso: 
Farsettiarte , Portichetto di Via Manzoni, (angolo Via Spiga) e Casa Manzoni, Via Morone 1. 
Esposizione a Prato, dal 22 al 29 maggio (orario 10.00-19.30, compreso festivi). 
Farsettiarte, Viale della Repubblica (area Museo Pecci)
 
 
Estimate
EUR 10000 / 15000

Scroll Down
Back to the Top