Asta N.177 , ARTE MODERNA E CONTEMPORANEA

ven 28 Ottobre 2016 
300 

Scuola toscana del XVI secolo

Sacra Famiglia

Olio su tavola
cm. 73x57,5


Il dipinto riprende una tipologia di Sacra Famiglia tipica della pittura fiorentina nella seconda metà del Cinquecento, sebbene nel volto del San Giuseppe si avverta un accento senese, tipico dei seguaci del Beccafumi. Tuttavia la figura della Vergine e del Bambino, nonché quella del San Giovannino rimandano l'ignoto autore dell'opera all'influsso di due pittori: Michele Tosini, detto del Ghirlandaio (1503-1577) e Francesco del Brina (1540 ca.-1586). Il nostro pittore sembra oscillare tra i modi dei due.
Per confronto si vedano la Sacra Famiglia, Firenze, Museo Mediceo, assegnato a Francesco Brina e la Sacra Famiglia, Firenze, Pitti, di Michele del Ghirlandaio.
Ambedue i pittori si mostrano legati agli esempi più alti del manierismo fiorentino, da Andrea del Sarto a Michelangelo. I due pittori sono stati sovente confusi talché l'elenco delle opere del Brina compilato dal Venturi e dal Voss fu poi contrastato da C. Gamba, sostenuto da Bernard Berenson, che spostò parte delle opere del Brina alla mano di Michele di Ridolfo del Ghirlandaio. Il Brina ebbe anche come collaboratore il fratello Giovanni.
Bibliografia di riferimento
AA.VV., Dizionario Enciclopedico dei Pittori e degli incisori italiani, Mondadori Bolaffi, Milano, 1972; vol II, p. 298, tav. 303, vol V, p. 374, tav. 457.


Scroll Down
Back to the Top