Asta N.177 , ARTE MODERNA E CONTEMPORANEA

ven 28 Ottobre 2016 
423 

Libero Andreotti
(Pescia (Pt) 1875 - Firenze 1933)

Soldato ferito e Vittoria alata

Scultura in bronzo
cm. 25 h.

Certificato su foto di Lupo Andreotti, Firenze, 24/9/2009 (in fotocopia).


Libero Andreotti fu incaricato nel 1924 di realizzare due grandi gruppi per il Monumento alla Vittoria di Milano. Il primo, abbandonato poi per motivi mai appurati, avrebbe dovuto rappresentare una Vittoria alata tra due soldati in posizione di combattimento: il secondo un soldato-eroe a cavallo accompagnato da una Vittoria alata. Al primo gruppo, mai realizzato, appartiene attendibilmente questo bozzetto con un soldato ferito che offre il corpo scoperto alla battaglia, sormontato da una Vittoria alata. Il tema del soldato ferito che scopre il suo torace era già stato trattato da Andreotti in una medaglia di una serie di tre, del 1918 ca., di cui Andreotti scrive in una lettera al cognato Aldo Carpi a Milano, per una mostra a New York, American Numismatic Society, curata da Ugo Ojetti.
La fusione delle tre medaglie, di cui si è persa traccia, fu venduta a un avvocato (si veda O. Casazza, 1992, p. 158, n. 1).
Bozzetti vicino al nostro, il cui gesso non fu depositato nella Gipsoteca Andreotti di Pescia, rimanendo in proprietà privata, sono riprodotti con varianti a due soldati e la Vittoria alata, in Casazza, cit., p. 165, n. 18 e n. 19.
Marco Fagioli.
Bibliografia di riferimento
Gipsoteca Libero Andreotti, a cura di Ornella Casazza, Toscana Musei, Pescia, 1992.


Scroll Down
Back to the Top