Asta N.175 - I, Arredi e Dipinti Antichi e una Prestigiosa Collezione di Maioliche

ven 15 Aprile 2016 
220 

Piatto in maiolica in blu e a lustro oro e rosso


Cm. 34,8 ø, Gubbio, bottega di Mastro Giorgio Andreoli, 1520-35 ca.
Bibliografia
La via della ceramica tra Umbria e Marche. Maioliche Rinascimentali da Collezioni Private, Gubbio, Palazzo Ducale, 26 giugno 2010 - 30 gennaio 2011, pp. 132, 133, n. 2.12.
 
Si riporta parte della scheda, a cura di Ettore A. Sannipoli, in La via della ceramica tra Umbria e Marche: "Il piatto, deformato in cottura, ha ampio cavetto e larga tesa con orlo rialzato. Al centro del cavetto è raffigurato uno scudo a cartella realizzato forse per contenere uno stemma araldico. Lo scudo è circondato da nastri svolazzanti e incorniciato da due filettature concentriche ripassate in lustro rosso. La balza del cavetto è decorata da una ghirlanda con embricazioni puntinate blu campite in lustro dorato. Sulla tesa, suddivisa in scomparti, si alternano elementi fitomorfi con bacche, frutti e foglie disposte simmetricamente, e stretti riquadri privi di decorazione. Decori di due differenti tipi (uno a palmetta classica) si alternano negli otto scomparti più larghi.
La decorazione a scomparti presente sulla tesa del piatto risulta alquanto diffusa nella ceramica eugubina degli anni Venti e dei primi anni Trenta del Cinquecento.
Per confronto si veda il piatto del 1531, già in collezione Sidney Morse (Balardini 1938, fig. 24) o l'altro nella collezione Lehman del Metropolitan Museum of Art di New York (inv. 1975.1.1078). Inconsueta è la raffigurazione dello scudo a cartella come quello visibile nel cavetto del piatto".

ESPOSIZIONE

Milano (sintesi delle opere) 
Dal 30 marzo al 4 aprile 2016
Farsettiarte, Portichetto di via Manzoni (angolo via Spiga)
orario 10-13 / 14-19 (festivi compresi)

Prato
Dal 9 al 15 aprile 2016
Farsettiarte, viale della Repubblica (area Museo Pecci)
orario 10-13 / 16-19,30 (festivi compresi) 

Scroll Down
Back to the Top