Asta N.173 - I, Arredi e Dipinti Antichi

ven 30 Ottobre 2015 
265 

Bicci di Lorenzo
(Firenze 1373 - 1452)

Madonna col Bambino tra i Santi Giovanni Battista e Caterina d'Alessandria

Tempera a fondo oro su tavola
cm. 47,5x24,5

Comunicazione scritta di Filippo Todini, senza data.


La tavola costituiva in origine il pannello centrale di un piccolo trittico a sportelli di committenza privata, come ricordano gli attacchi delle cerniere ancora ai lati. La presenza di San Giovanni Battista indica la probabile destinazione fiorentina del dipinto, essendo il Santo Patrono della città. L'opera è un esempio caratteristico della prolifica produzione di Bicci di Lorenzo destinata alla devozione privata e replica lo schema di analoghi trittici ancora corredati dei loro sportelli, tra cui sono noti un esemplare già a Roma in collezione privata e un secondo in raccolta inglese. Nel percorso di Bicci di Lorenzo la tavola si colloca in un momento ancora giovanile, verso il 1420, quando gli echi della pittura tardogotica fiorentina si colorano ancora di ricordi trecenteschi. Un punto di riferimento per questa fase del pittore è il grande trittico con Annunciazione e Santi della Propositura di S. Maria Assunta a Stia in Casentino, datato 1414, mentre più evoluta appare la predella con la Natività e storie di Santi, già conservata nel Museo di Berlino (n. 1046 A) e distrutta durante l'ultima guerra, che risale al 1423.


Scroll Down
Back to the Top