Asta N.165 - I, Un disegno di Andrea Mantegna, Dipinti, Arredi e Disegni Antichi

FARSETTI ARTE - Viale della Repubblica, Area Museo Pecci - PRATO, ven 8 Novembre 2013 
202 

Pieter van der Faes, detto Sir Peter Lely (attr. a)
(Soest 1618 - Londra 1680)

Ritratto di James II

Olio su tela
cm. 126x101,5


Sir Peter Lely e Sir Godfrey Kneller (1646-1723), ambedue stranieri, furono le figure più importanti nella ritrattistica inglese del fine Seicento - inizi Settecento, dopo Anthony van Dyck, e influenzarono in modo decisivo la nascita della ritrattistica inglese del Settecento.
Peter Lely, all'anagrafe Pieter van der Faes, era nato a Soest in Westphalia, da genitori olandesi e aveva studiato ad Haarlem. Divenuto Master nel 1637, arrivò in Inghilterra nel 1643, e si dedicò al ritratto dal 1647. Da uno stile iniziale più fiammingo si rivolse poi al Barocco, subendo fortemente l'influsso di Van Dyck, e divenendo poi pittore ufficiale del Re, elaborando uno stile di ritratto tipico della Restaurazione. Lely dominò la ritrattistica inglese fino all'arrivo di Kneller, che seguì il suo stile. Ambedue ebbero una produzione ampia di studio, utilizzando la collaborazione con diversi assistenti, (Robin Simon, op.cit., p. 205). Pittore ufficiale della corte di Charles I, Lely sucitò l'attenzione ironica del poeta Alexander Pope, che lo celebrò con i suoi versi.
L'effigiato, in questo ritratto, è stato identificato in James II, (1633-1701), figlio più giovane di Charles I, quando egli era ancora Duca di York, prima di divenire James II. Il volto del nostro ritratto corrisponde fedelmente, in controparte, a quello dipinto da Lely, la sola testa abbozzata su fondo neutro, ora alla National Portrait Gallery di Londra, e ritrae il giovane James II, quando egli era ancora Duca di York (Robin Simon, cat. p. 11, fig. 1). Lely aveva già effigiato il giovane Duca di York in un ritratto con il padre Charles I, ora appartenente al Duca di Northumberland, nel 1648 e un anno avanti, 1647, nella tela The three children of Charles I, (Oliver Millar, cit., nn. 172, 171, pp. 106-107).
Bibliografia di riferimento
Oliver Millar, The age of Charles I, Painting in England, 1620-1649, The Tate Gallery, 1972;
Robin Simon, The portrait in Britain and America, with Biographical Dictionary of Portrait Painters 1680-1914, Phaidon, Oxford, 1987.


Scroll Down
Back to the Top